Più comfort con finestre dotate di Swisspacer Air

Swisspacer Air, il dispositivo di equalizzazione delle pressioni delle vetrate isolanti, amplia le possibilità applicative delle finestre che potranno offrire d’ora in poi più isolamento termico, più isolamento acustico e maggiore protezione solare. Le nuove applicazioni verranno presentate alla fiera fensterbau frontale di Norimberga da Swisspacer, società del Gruppo Saint-Gobain, allo stand 214 del padiglione 7A.

Come noto, il dispositivo Swisspacer Air (vedi news) serve a compensare la pressione quando differenze di temperatura o dislivelli di altezza tra il luogo di produzione dei vetri e quello dell’installazione provocano sbalzi di pressione all’interno del vetrocamera delle finestre. Per di più esso permette di realizzare vetri isolanti dal forte spessore senza, avverte l’azienda, correre il rischio di causare danni derivanti da sollecitazioni climatiche.

La collaborazione con professionisti del settore si è concentrata sulle possibilità che offre il sistema per finestre in pvc che sono in grado di accogliere vetri fino a uno spessore di 60mm. Così presso il laboratori si è visto che una  grande porta dotata di un quadruplo vetro isolante equalizzato con veneziana integrata è stata testata con successo alle prove di tenuta all’acqua e di resistenza al vento e agli sbalzi climatici. I test sono proseguiti presso ift-Rosenheim dove è stato verificato e valutato il potere insonorizzante di diversi vetri tripli e quadrupli equalizzati. La tabella qui sotto riportata riporta i risultati di questi test che mostrano il valore aggiunto del dispositivo Swisspacer Air al miglioramento dell’isolamento acustico.

Inoltre, vetrate di largo spessore dotate dell’equalizzatore di pressione possono avvalersi di lastre più sottili a parità di prestazioni di isolamento termico e acustico. Il che significa minor peso delle vetrazioni e minori sollecitazioni su cerniere e telai. In alcuni casi, così segnala il produttore, si può rinunciare all’utilizzo delle costose pellicole fonoassorbenti dei vetri laminati.

Le vetrate dalle ampie intercapedini possono accogliere anche dei sistemi oscuranti di dimensione adeguata. Secondo Michael Koch. “Con Swisspacer Air i sistemi oscuranti possono essere installati in modo facile e sicuro nell’intercapedine tra le lastre. Con il suo funzionamento, Swisspacer Air garantisce, anche in caso di forti sollecitazioni climatiche, che non insorgano rigonfiamenti delle lastre verso l’interno o l’esterno, i quali comprometterebbero la libertà di movimento delle veneziane integrate. Il grande vantaggio: le soluzioni con vetrocamera triple o quadruple e sistema oscurante interno non solo sono possibili, ma soddisfano anche requisiti di isolamento acustico e termico molto elevati. Insomma, una soluzione con caratteristiche di prestazione simili a quelle di una doppia finestra”.

The post Più comfort con finestre dotate di Swisspacer Air appeared first on Guidafinestra.

Stop sconto in fattura Ecobonus dalla Commissione BIlancio del Senato

Abrogato lo sconto in fattura ecobonus e sismabonus introdotto dall’articolo 10 del Decreto Crescita. Lo stop alla misura così distorsiva del mercato e così penalizzante per le piccole e medie aziende dell’edilizia e della serramentistica in particolare è stato deciso ieri sera dalla Commissione Bilancio del Senato. Chiaramento lo stop non significa abrogazione immediata che sarà effettiva solo al momento della pubblicazione della Legge di Bilancio 2020.

L’abrogazione dello sconto in fattura ecobonus e sismabonus è disposta dall’emendamento

Sen. Roberta Toffanin

19.0.48 (testo 2)
Toffanin, Floris, Gallone, Lonardo, Testor, Pichetto Fratin
Dopo l’articolo, aggiungere il seguente:
«Art. 19-bis.
1. All’articolo 10 del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, i commi 1, 2, 3 e 3-ter sono abrogati».

Conseguentemente, agli oneri derivanti dal presente articolo, pari a 1,4 milioni di euro per il 2026, 21,8 milioni di euro per il 2027, 6,5 milioni di euro per il 2028, 6,2 milioni di euro per il 2029, 2,7 milioni di euro per il 2030 e 0,5 milioni di euro per il 2031, si provvede mediante corrispondente riduzione degli importi di cui all’articolo 99, comma 2.

Prima firmataria dell’emendamento è la senatrice di Forza Italia Roberta Toffanin che già si era spesa in precedenza (vedi news) a favore dell’abrogazione dell’articolo 10 e dello sconto in fattura ecobonus e sismabonus, intervenendo anche in manifestazione di settore come quella organizzata da Anfit e Finco ai primi di settembre(vedi news).

L’emendamento della sen. Toffanin è stato riformulato e approvato dalla commissione Bilancio del Senato a riprova del largo fronte politico esociale che si era erto conto l’articolo 10 e lo sconto in fattura ecobonus e sismabonus.

In un primo commento Confartigianato parla di “Una grande vittoria per la battaglia che Confartigianato conduce da mesi chiedendo l’eliminazione di una misura che provoca gravi effetti distorsivi della concorrenza e penalizzanti per le piccole imprese”.

The post Stop sconto in fattura Ecobonus dalla Commissione BIlancio del Senato appeared first on Guidafinestra.

Detrazioni fiscali 2018 sostituzione degli infissi

DETRAZIONI FISCALI SUGLI INFISSI 2018

Le agevolazioni fiscali 2018 sono delle riduzioni di base imponibile (deduzioni fiscali) o delle imposte (detrazioni fiscali) previste per dare alcuni vantaggi ai contribuenti. In questo caso parliamo di ristrutturazione edilizia. La sostituzione degli infissi, ad esempio, è fondamentale ai fini della riqualificazione di un edificio. Provvedere a sostituirli infatti garantisce un miglioramento termico grazie ad una minore dispersione all’interno di un’abitazione. Installare dei nuovi infissi e/o serramenti, durante un intervento di ristrutturazione, potrebbe essere costoso. Per fortuna esistono delle agevolazioni , da cui è possibile ottenere detrazioni fiscali sugli infissi 2018 , grazie alla nuova legge di stabilità del 2017.

COME OTTENERE LE DETRAZIONI FISCALI 2018 INFISSI
Per richiedere ed ottenere le agevolazioni fiscali 2018 sugli infissi bisogna rispettare alcuni parametri:

  • la sostituzione deve riguardare edifici già esistenti;
  • deve contribuire ad aumentare l’efficienza energetica;
  • è necessario che le dimensioni siano uguali a quelle precedenti.

Una volta accertati di queste condizioni, possono usufruire delle agevolazioni fiscali 2018 con annesse detrazioni tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa che possiedono l’immobile, le persone fisiche, enti pubblici e privati che non svolgono alcuna attività commerciale, i condomini per le parti comuni, i familiari conviventi con il possessore dell’immobile in questione.

IN COSA CONSISTONO LE AGEVOLAZIONI FISCALI

L’ agevolazione concerne le detrazioni fiscali 2018 sugli infissi delle spese sostenute dall’IRPEF e dall’IRES. In 10 rate annuali viene suddiviso l’importo della detrazione, ognuna corrispondente al medesimo importo.

La percentuale del prezzo detraibile per le spese sostenute equivale al 65% a partire dal 6 giugno 2013 fino al 31 dicembre 2018, e passa al 50% dopo il 1 gennaio 2018 per le singole unità immobiliari.

Le detrazioni  ha un tetto massimo di 60.000 euro. Inoltre non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali.

Se hai in programma la sostituzione dei tuoi infissi, rivolgiti a Rota Infissi ed usufruisci entro il 2018 di tutte le detrazioni fiscali sugli infissi! Vienici a trovare al nostro showroom ad Ercolano in Via Arena S. Vito 45.